Tour: I Nomadi dell'Asia Centrale

Tipologia : viaggio culturale dell’Uzbekistan lungo la via della seta con visita di Khiva, Bukhara, Nurata, il campo di Yurte, Shahrisabz e Samarcanda.
Durata : 10 giorni / 8 notti

Codice : UZTC1009
Partenze individuali : tutti i giorni, minimo 2 persone.
Partenze di gruppo : non effettuate, tuttavia possiamo fornire il viaggio a gruppi precostituiti.
Stagionalità : primavera ed autunno presentano un clima più mite.

 

 

 

Introduzione : L’ Uzbekistan, lo stato più ricco di storia fra tutte le repubbliche dell'Asia centrale, è un paese che annovera alcune delle città più antiche del mondo, molti dei principali centri lungo la Via della Seta e la maggior parte delle bellezze architettoniche di quest’area geografica. Questo viaggio prevede la scoperta delle bellezze storiche ed architettoniche e la visita della parte rurale del paese, come Yangigazgan dove i nomadi che vivono ancora nelle Yurte. Il tour inizia con la la capitale Tashkent situata in un’oasi irrigata presso le rive del fiume Circik, con un volo si raggiunge l’estremità occidentale dell’Uzbekistan per visitare l’antica Khiva, città risalente al VIII secolo, oasi commerciale lungo la Via della Seta. Si passa poi a Bukhara, città che possiede oltre 140 edifici storici protetti, situata in un’oasi del deserto Kizil-Kum, e a Shahrisabz, piccola città caratterizzata da splendide rovine, con oltre duemila anni di storia. Ultima tappa di questo itinerario è la mitica Samarcanda, sede di tesori unici risalenti alla sua lunga storia, che ne fa una delle più antiche città del mondo.

Siti patrimonio dell'umanità UNESCO
- Centro Storico di Bukhara dal 1993
- Centro Storico di Shakhrisyabz dal 2000
- Itchan Kala (Khiva) dal 1990
- Samarkanda, Crocevia di Culture dal 2001


1° giorno : Italia – Volo
Partenza dall’Italia con volo di linea.
Pasti : -/-/-

2° giorno : Tashkent, visita della città
Arrivo a Tashkent. Dopo il disbrigo delle formanlità doganali, incontro con il nostro assistente, e trasferimento in hotel. Colazione in albergo. Alle 10.00 inizio dell’escursione a Tashkent, la capitale dello stato. La città vecchia, “eski shakhar”, si presenta come un dedalo di strette viuzze polverose su cui si affacciano case basse di mattoni e fango, moschee e antiche madrasse (accademie islamiche). La Moschea di Khodja Akhrar (1404-1490), il Mausoleo dello Sceicco Zaynutdun, con la cella sotterranea risalente al XII secolo. La madrassa di Barakkhan è una splendida scuola coranica del XVI secolo, la cui piazza si riempie di fedeli il venerdì in occasione della preghiera settimanale; nelle vicinanze sorge la piccola moschea Jami, risalente al XV secolo e utilizzata in epoca sovietica come officina per la lavorazione di lamiere. Il bazar Chorsu è un enorme mercato all’aperto, accanto alla madrassa di Kukeldash, frequentato da una moltitudine di gente proveniente dalle campagne circostanti che in genere indossa costumi tradizionali, la madrassa santa chiamata Khast Imam, di particolare interesse è la Moschea Tillya Sheykh, del XVI secolo, in cui si conserva quello che è ritenuto il più antico Corano esistente, segnato col sangue dello stesso Califfo Osman, assassinato nel 655, la Barak Khan, fondata nel XVI secolo da un discendente di Tamerlano, il mausoleo Kafal Shashi, tomba dell’omonimo poeta e filosofo dell’islam che visse dal 904 al 979. La mancanza di edifici antichi in questa città è compensata dalla presenza di grandi musei come il Museo di Arti Applicate, inaugurato nel 1937 come vetrina per le arti applicate di fine secolo, ma è l’edificio in se (progettato secondo lo stile tradizionale di Tashkent) a risultare più interessante dei suoi stessi contenuti. Al termine delle visite, rientro in hotel. Cena e pernottamento.
Pasti: C/P/C

3° giorno : Tashkent – Volo – Urgench - Khiva
Colazione in albergo. Di mattina trasferimento in aeroporto per l’imbarco sul volo in partenza per Urgench. All’arrivo trasferimento nella città di Khiva (25 km.). Arrivo e sistemazione in albergo. Successivamente inizio della visita della città di Khiva. Il compatto e affascinante centro storico, il più intatto in assoluto tra i centri della Via della Seta, enumera monumenti del XVII-XIX secolo: il complesso Ichan Kala, la Fortezza “Kunya Ark” con l’harem e le vecchie prigioni; la Scuola Coranica di Amin Khan, la bellissima Moschea di Juma che fu costruita nel X secolo e fu restaurata nel XVIII secolo. La Casa di Pietra costruita come alternativa splendida alla Kunya Ark, consiste in alcune costruzioni intorno ad un cortile circondato da un alto muro. Visita della Madrassa di Kuli Khan, del bazar e del caravanserraglio. Il mausoleo di Pakhlavan Makhmud nel XIX secolo è il più bello e più sacro mausoleo di Khiva. Pakhlavan Makhmud (1247-1325), dottore e poeta, oggi è onorato come una persona sacra. Sulla sua tomba venne costruito il mausoleo con la cupola, in seguito distrutta. Nel 1913 venne costruito un nuovo complesso, che include in sé il sepolcro. All’inizio del XVI secolo Khiva divenne la capitale dell’impero timuride con un fiorente mercato degli schiavi; tanto che anche nel XIX secolo, anche i più impavidi e coraggiosi temevano d’imbattersi in queste feroci popolazioni e di affrontare la loro terra desertica. La sua storia è intessuta di lotte con il vicino casato rivale di Bukhara, con la Persia e nell’ultima fase con la Russia. Si entra nel centro storico di Khiva per la porta Koch-Darwaz e ci si trova in una città museo disabitata ma integra. Nella cittadella antica di Khiva, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, racchiusa da un perimetro rettangolare costituito da alte mura di mattoni, sono concentrati i principali monumenti storici. Cena e pernottamento in albergo.
Pasti: C/P/C

4° giorno : Khiva – Bukhara (480 km)
Colazione in hotel e partenza per Bukhara. Lungo il tragitto si attraverserà il fiume Amu-Darya, il principale fiume che bagna questa area dell’Asia centrale. Questo è uno dei due grandi fiumi dell’Uzbekistan assieme al Syr-Darya, e scorre attraverso il Turkmenistan da sud a nord, segnando il confine tra Turkmenistan e Uzbekistan. Ma il territorio principale di questa giornata è l’ampio deserto Kizilkum, che si estende tra Kazakistan e Uzbekistan. Il suo nome in uzbeco significa "Sabbie rosse", e il suo territorio è costituito per la maggior parte da una piana coperta di dune sabbiose. Il principale centro abitato è Bukhara, in una regione importante per l'economia grazie ai giacimenti minerari, in particolare oro, uranio, alluminio, rame, argento, petrolio e gas naturale. Pranzo durante il tragitto. Continuazione per Bukhara. Arrivo in serata e trasferimento in hotel. Sistemazione nelle camere riservate e tempo libero a disposizione. Cena e pernottamento in hotel.
Pasti: C/P/C

5° giorno : Bukhara, visita della città
Colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita di Bukhara, città della poesia e della fiaba. E’ situata in un’oasi del deserto Kizil-Kum a est dell’Amu Darya (il principale fiume che bagna questa area dell’Asia) e sul corso inferiore del fiume Zeravshan. Centro antichissimo, la sua importanza deriva dalla posizione geografica, punto d’incrocio delle vie carovaniere che collegavano l’Arabia all’India e all’antico Catai (La Cina). È’ una delle più antiche città del mondo, la sua storia data la fondazione a oltre 2.500 anni. Oggi Bukhara è uno dei maggiori centri dell’industria e dell’economia e la maggiore città dell’Asia Centrale. Lyabi-Hauz è la pizza principale costruita attorno ad una vasca nel 1620. Nel XX secolo nel giardino davanti alla madrassa trovò posto il monumento del leggendario personaggio popolare Khodja Nasreddin. A est della statua vi è la Madrassa di Nodir Devan Beghi (1622), costruita come caravanserraglio diventando poi madrassa. A nord vi è la madrassa Kukeldash (1568-1569), e il più antico e grande complesso di Lyabi Hauz. Oggi a Bukhara si trova una delle più antiche moschee dell’Asia Centrale, la moschea Magoki-Attari (X-XII-XVI secolo). Sorge sui frammenti di un tempio zoroastriano del V secolo. Pranzo in ristorante “Lyabi khauz”. Simbolo principale e punto di riferimento della città è il Minareto Kalyan (“grande”), alto 47 metri. Vicino al Minareto Kalyan si trova la Moschea Kalyan, collegata al minareto da un piccolo ponte. Proseguimento nella cittadella dell’Ark (XVIII-XIX secolo), una città regale nella città, centro dell’organizzazione statale di Bukhara. Il mausoleo dei Samanidi (X secolo) fu costruito nel periodo di Ismail Samani (892-907) e divenne sepolcro famigliare dei Samanidi. Accanto alla vasca di fronte all’ingresso dell’Ark sorge la moschea Bolo-khauz (1712), luogo di culto ufficiale dell’emiro, luogo di una bellezza e speciale. Cena e concerto nazionale nel cortile di una madrassa. Pernottamento in hotel.
Pasti: C/P/C

6° giorno : Bukhara – Nurata – Yangigazgan, campo di Yurte
Prima colazione in hotel. In mattinata partenza per raggiungere il campo di yurte situato nel deserto Kyzyl Kum (230 km, 4 ore). Lungo il percorso è prevista una sosta in una officina di maestri di ceramica di Gijduvan. Successivamente visita di una moschea locale con acqua sacra nel villaggio di Nurata. Nei pressi di Nurata sosta per ammirare degli antichi petroglifi. Nel pomeriggio si continua il percorso per raggiungere il campo di yurte nel deserto Kyzyl Kum. Arrivo a Safari Yurt Camp. Sistemazione in yurta. Successivamente è possibile effettuare un breve trek a dorso di cammello, oppure approfittare del luogo per una po’ di relax. In serata è prevista una tradizionale cena attorno al fuoco, per vivere l’esperienza dell’atmosfera tipica dell’Asia Antica, accompagnati da canzoni tipiche kazake. Pernottamento in Yurta.
Pasti: C/P/C

7° giorno : Nurata – Shakhrisabz – Samarcanda
Colazione. Dopo colazione si parte per raggiungere Shakhrisabz, la città più antica dell’Uzbekistan, con ben 2.800 anni di storia, conosciuta anche come la “città verde”. Piccola località situata a 90 km a sud di Samarcanda. Visita alle splendide rovine di questa antica e gloriosa città, con oltre duemila anni di storia. Venne costruita secondo un modello tipico dell'Alto Medio Evo con una struttura centrale simile a quelle di Samarcanda e Bukhara ed ha continuato a svilupparsi durante il IX e X secolo nonostante i continui conflitti tra le dinastie samanidi e i turchi. E’ la città natale di Tamerlano e una volta, probabilmente, la sua fama oscurava addirittura quella di Samarcanda. Egli vi fece infatti costruire il Palazzo Ak-Saray (1379-1404) “il palazzo bianco” di cui sbalordiscono la grandezza e la magnificenza. Lo stesso vale per il Dorutilavat (seggio del potere e della forza) che forse arrivava anche a superare in grandiosità lo stesso palazzo, mentre tra le altre attrattive ci sono le tombe degli antenati di Tamerlano e la gigantesca moschea di Kok-Gumbaz (1437) utilizzata come moschea per la preghiera del venerdì. Ritorno a Samarcanda di sera. Cena e pernottamento in hotel.
Pasti : C/P/C

8° giorno : Samarcanda, visita della città
Colazione in hotel e giornata dedicata alla visita della città di Samarcanda. La prima visita è dedicata al mausoleo Gur-Emir (XV secolo), che in persiano significa "la tomba dell’Emiro", dove è sepolto il grande condottiero Tamerlano assieme ai suoi discendenti. La costruzione del mausoleo ebbe inizio nel 1403, in seguito alla morte improvvisa di Muhammad Sultan, nipote preferito da Tamerlano ed erede designato. Occupa un posto fondamentale nella storia della architettura islamica, perché fu precursore e modello per le posteriori grandi tombe dell'architettura Moghul, tra cui la Tomba di Humayun a Delhi ed il Taj Mahal ad Agra. Si prosegue con la piazza Registan che è anche il simbolo di Samarcanda (XV-XVII secolo) e la moschea di Bibi Khanum (XV secolo), considerata la più grande Mosche dell’Asia Centrale. La moschea venne costruita per ordine di Tamerlano dopo la sua campagna in India, per mostrare il suo potere e per farlo deportò a Samarcanda migliaia di artigiani indiani. Tamerlano volle costruire la grande moschea del venerdì con uno stile che la doveva farla somigliare al paradiso. Visita al complesso Shakhi-Zinda (XIV-XV secolo), composto da alcuni mausolei. L’osservatorio di Ulugbek (1428-1429) fu costruito dal governatore e scienziato Ulugbek. Cena e pernottamento in hotel.
Pasti : C/P/C

9° giorno : Samarcanda – Treno Veloce - Tashkent
Colazione in albergo. Continuazione del giro alla città. Una visita spettacolare a Piazza Registan, il cuore di Samarcanda e un capolavoro dell’Asia Centrale di architettura medievale che consiste da 3 grandiosi edifici: Madrasa Ulugbek, Madrasa Sherdor e Madrasa Tilla Kori. Visitate anche il Mausoleo Gur Emir, Bibi Khanim Moschea. Dopo pranzo si parte a Tashkent con treno. Arrivo. Cena di arrivederci “gala” e pernottamento.
Pasti: C/P/C

10° giorno : Tashkent – Volo - Italia
Check-out dal albergo di mattina presto. Trasferimento all’aeroporto in tempo utile per l’imbarco sul volo in partenza per l’Italia. Arrivo in Italia e fine dei nostri servizi.
Pasti : -/-/-


Tariffe

Quota di partecipazione :

 

€ 1.765

€ 1.525

€ 1.375

Valida fino al 31DIC2019

 

2-3 persone

4-5 persone

6-9 persone

Cambio euro / dollaro usd

1,10

     

- I prezzi indicati si intendono per persona e si riferiscono a dei tour individuali con servizi ad uso esclusivo.
- Cambio : una variazione del +/- 3% del tasso di cambio potrebbe portare ad un ritocco delle quote.
- Si applicano le condizioni del contratto di viaggio che si trovano sul sito www.nbts.it.
- I prezzi di tasse e imposte non dipendono dalla nostra volontà e possono cambiare senza preavviso.

La quota include
- Volo di linea Turkish Airlines/Aeroflot/Lufthansa in classe economica, tasse aeroportuali escluse
- Il volo interno Tashkent - Urgench
- Il treno veloce Samarcanda - Tashkent
- Sistemazione negli hotel indicati in camera doppia
- Trasferimenti e circuiti con automezzi privati con A/C
- Visite ed escursioni come da programma
- Ingressi a monumenti, musei, etc.
- Guida locale parlante italiano per tutta la durata del tour
- Pensione completa durante il tour
- Spettacolo di folklore a Bukhara (Marzo-Novembre)
- Assistenza di personale locale
- Early check-in dalle ore 06:00 alle ore 11:00

La quota non include:
- Tasse aeroportuali, circa 220 euro (quota da confermare in fase di prenotazione)
- Visto d’ingresso Uzbekistan, (gratuito)
- Early check-in dalle prima delle ore 06:00
- Permessi per filmare/fotografare
- Mance
- Bevande
- Extra personali
- Quota gestione pratica (include assicurazione medico bagaglio annullamento)
- Tutto quanto non specificato alla voce “la quota include”

Supplementi:
- Eventuale supplemento dovuto alla reale disponibilità del volo di linea, da comunicare
- Sistemazione in camera singola (tranne in yurta), su richiesta
 

Sistemazioni alberghiere

Cat.     Hotel previsti o similari                                                         Località           Notti

4*        Hotel Grand Capital / Le Grande Plaza / Uzbekistan / Navruz       Tashkent           2 + 1/2
3*S      Hotel Bek Khiva / Orient Star / Euro Asia / Old Khiva                  Khiva                1
4*        Hotel Minzifa / Komil Boutique / Sharq Plaza                              Bukhara            2
-*        Campo Tendato di Yurte                                                            Yangikazgan      1
4*        Hotel Malika Prime / Diyora Palace / Zilol Baxt / Bek                   Samarcanda      2
 

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.