Informazioni India

Documenti e visto : Per entrare in India è necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità ed il visto che é rilasciato dai Consolati italiani di Roma e Milano allegando alla richiesta due fotografie formato tessera. Il visto di transito viene concesso per un periodo massimo di 3 giorni. Una volta entrati nel Paese è possibile prolungare il visto solo in casi gravi e documentati. Per alcune zone (Kashmir, Uttar Pradesh, Himachal Pradesh, Arunachal Pradesh, Sikkim, Nagaland, Manipur, Mizoran) è necessario ricevere un permesso speciale (Restricted Area Permit, RAP) da richiedersi prima della partenza all'Ambasciata o al Consolato indiano in Italia o, in loco, al Foreigners' Regional Registration Office.

Clima : Il clima é distinto in tre stagioni, quella calda-secca, la stagione umida e quella fresca. La prima, quella secca, inizia nelle pianure dal mese di febbraio, con temperature che aumentano con il passare dei giorni fino a raggiungere anche i 45° C. E' il periodo migliore per abbandonare le pianure e ritirarsi sulle colline specialmente per chi ama fare trekking. Verso la fine di maggio si iniziano ad avvertire i primi segni dei monsoni che, partendo dal sud del Paese, si estendono verso il nord raggiungendolo nei primi giorni di luglio e dando inizio così alla stagione umida e delle piogge. Ad ottobre anche questa stagione volge al termine dando inizio al periodo più piacevole per un viaggio nella parte settentrionale del Paese. La temperatura è più fresca e piove meno. Andando avanti con i giorni si arriva ai mesi di dicembre e gennaio con temperature piuttosto fredde specialmente nelle ore notturne mentre sui rilievi le notevoli precipitazione nevose danno inizio alla stagione invernale alimentando un turismo legato allo sci, come nella valle di Kullu.

Temperature in °C max/min

 

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

Srinagar

6/-3

8/-2

15/4

18/6

26/12

29/13

32/17

31/16

28/11

24/6

16/-2

10/-3

Amritsar

20/6

22/7

29/13

33/16

39/22

41/24

37/25

35/26

35/25

35/25

26/18

22/10

New Delhi

22/7

24/10

28/15

35/21

39/27

38/29

36/28

35/27

35/25

35/18

29/12

24/8

Darjeeling

9/3

10/4

13/7

15/8

16/10

17/13

17/13

17/13

16/12

15/9

12/5

10/4

Jodhpur

25/9

26/10

31/15

36/20

40/25

39/27

36/26

35/25

35/24

36/19

32/14

27/10



Giorni di pioggia (almeno 1 mm d'acqua)

 

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

Srinagar

8

7

10

10

7

5

7

7

4

4

2

5

Amritsar

4

2

3

2

2

3

10

11

5

2

1

2

New Delhi

3

2

2

1

1

4

12

11

6

2

0

1

Darjeeling

2

4

6

10

18

24

28

26

30

7

2

1

Jodhpur

1

1

1

0

1

3

8

9

3

1

0

0

 

Abbigliamento : Abbigliamento pratico, in fibre naturali. Da ricordare inoltre che nei templi si entra senza scarpe, quindi possono tornare utili i calzini. Blue-jeans e pantaloni leggeri di cotone, calze di lana e scarpe robuste per chi si reca nelle zone più a nord, sandali, magliette e camicie di cotone, un maglione di lana, giacca a vento e sacco lenzuolo o a pelo. Le donne indiane non mostrano mai le gambe e le spalle quindi evitate pantaloncini corti, minigonne e canottiere.

Disposizioni sanitarie : Nessuna vaccinazione è obbligatoria, anche se è opportuno prendere alcune precauzioni. Sono consigliate le vaccinazioni antitifica, antitetanica e contro l'epatite A e B. Non sono richieste vaccinazioni particolari, anche se è opportuno prendere alcune precauzioni. Consigliamo inoltre di portare dei disinfettanti intestinali e repellenti per le zanzare. Per maggiori informazioni recarsi nell’ufficio d’igiene della propria città.

Valuta : La moneta indiana è la rupia suddivisa in 100 paise. Ci sono monete da 5, 10, 20, 25 e 50 paise, 1, 2, 5 rupie; banconote da 10, 20, 50, 100, 500 rupie. Vi conviene cambiare direttamente in hotel, ancor meglio negli uffici di cambio, le banche aprono piuttosto tardi, alle 10 di mattina (orario: lunedì-venerdì10-14, sab. 10-12). Le carte di credito più diffuse (MasterCard, Visa, Cirrus, Maestro) sono accettate senza problemi solo negli hotel e ristoranti di alto livello. Solo nelle città principali si trovano bancomat da cui prelevare direttamente moneta in valuta locale. Cercate di avere con voi sempre un po' di rupie in banconote di piccolo taglio perchè difficilmente tassisti, piccoli negozianti ecc. saranno in grado di darvi il resto.

Elettricità : La corrente è a 220 Volt. Per evitare qualsiasi disagio consigliamo di avere al seguito un adattatore universale.

Fuso Orario : La differenza è di 4.30 ore in più rispetto all’Italia, 3.30 ore quando vige l’ora legale.

Lingua : Non esiste una vera è propria lingua indiana anche se l'hindi è la lingua nazionale: il Paese è infatti diviso in un gran numero di lingue locali. In tutto ci sono 18 lingue riconosciute dalla Costituzione che formano due categorie: quella indo-ariana con origine nel nord del Paese, e quella dravidica sviluppatasi nella parte meridionale dell'India. Oltre a queste ci sono più di 1600 lingue e dialetti minori. L'hindi è la lingua predominante nelle regioni centrali del Nord; nelle zone musulmane settentrionali è diffuso l'urdu. L'inglese è ancora ampiamente usato ed è la lingua ufficiale del sistema giudiziario.

Acquisti : In India si possono fare numerosi acquisti: sete, spezie, gioielli, cotoni e lane, broccati di Varanasi, scialli del Kashmir, oggetti di marmo intarsiato di Agra, quelli di bronzo di Khajuraho, le pietre preziose di Jaipur, i gioielli d’argento del Rajastan, i “Punjabi” completi di giacca e pantaloni in cotone o seta ed i magnifici “sari” dai variopinti colori, in seta o cotone. E poi incensi, il pregiato the ed inoltre dipinti e oggetti in arte buddista di provenienza Tibetana. Nel Ladakh è facile trovare molto artigiano himalayano: oggetti in argento, turchesi e coralli di arte tibetana. È vietato esportare oggetti con più di un secolo d’antichità. I negozi dei grandi alberghi offrono articoli di qualità alta, ma a prezzi altrettanto alti. I mercati e i piccoli laboratori offrono le occasioni migliori, si contratta a lungo e si spuntano buoni prezzi.

Cucina : Mangiare in India è piacevolmente economico anche se se spesso, quando vi trovate fuori dei grandi centri, la scelta è abbastanza scarsa e si limita ad un piatto di riso con verdure e chapati (spesso i piatti sono eccessivamente speziati per il palato europeo: se non siete amanti del piccante è opportuno che lo diciate al cameriere). Per questo è bene approfittare quando vi capita l'occasione di imbattervi in un buon ristorante anche se la spesa di 5-10 euro vi potrà sembrare una follia visti gli standard indiani che consentono di mangiare con veramente poche rupie (in genere un piatto costa 20-50 rupie nei ristoranti più economici, 75-120 rupie in quelli medi). Diciamo comunque che, accontentandosi dei ristorantini sulla strada (dhaba), un pasto completo costa in media 1-3 euro. Di ristoranti se ne incontrano tantissimi, un po' per tutte le esigenze, compresi quelli degli alberghi, in genere più cari (550-750 rupie per una cena a buffet in hotel di lusso) e preferiti talvolta dai turisti nella convinzione che siano più "sicuri"; in realtà di sicuro c'è solo la presenza dell'aria condizionata al massimo, cosa che non facilita certo una buona digestione...In India si mangia con la mano destra e, se si è ospiti, non farlo è sinonimo di poco rispetto. Se cenate presso una famiglia sikh ricordatevi di finire tutto quanto avete nel piatto: avanzare qualcosa è un insulto alla povertà. Ricordate anche di non offrire carne.

Raccomandazioni : Spesso gli indiani possono sembrare invadenti. Ovunque andiate avrete sempre persone che vi fanno un sacco di domande o bimbi che chiedono l'elemosina: non siate scontrosi con loro e non scacciateli in malo modo, questo comportamento fa parte del loro modo di vivere, quindi un semplice sorriso ed un invito energico a desistere e la cosa finisce lì, per poi ritrovarvi nella stessa situazione dopo cinque minuti, ma ci farete l'abitudine. Se chiedete un'informazione a qualcuno sappiate che gli indiani, piuttosto che ammettere di non sapere dove si trova una via o un monumento, si inventano una risposta qualsiasi pur di farvi piacere. Quindi, prima di seguire un'indicazione chiedete a due o tre persone! Avete presente come facciamo noi a dire "no" scuotendo la testa? Bene, per gli indiani fare un gesto simile vuol dire "sì"! Quindi, attenzione ai fraintendimenti! Evitate di toccare la gente, soprattutto i bambini, con la mano sinistra considerata impura, ed evitate anche di fare eccessivi complimenti a un bel bimbo in presenza della madre poichè gli indiani, piuttosto superstiziosi, ritengono che esista un "occhio malefico" geloso della bellezza. Non scandalizzatevi mai e non lasciatevi andare a commenti pesanti davanti a spettacoli non proprio occidentali: gli indiani spesso con estrema disinvoltura si lavano o defecano per strada.

Telefono : Per chiamare l’Italia dall' India comporre lo 0039 seguito dal prefisso della propria città. In India non esistono cabine telefoniche pubbliche, ma ci sono numerosi botteghini, gestiti da privati, che espongono un'insegna gialla con la scritta in rosso ISD (per le chiamate internazionali) e STD ( per le chiamate interurbane). Telefonare dall'hotel è sicuramente la soluzione più comoda, ma certamente molto cara. Nella maggior parte di questi negozietti ci si può collegare a internet: mediamente il costo è di 50-60 rupie per 1 ora di collegamento. Più caro il collegamento fatto dall'hotel: circa 200 rupie all'ora. I cellulari funzionano quasi ovunque a meno che non vi rechiate in zone rurali particolarmente disagiate.

Unità di misura : Nel paese vige il sistema metrico decimale.

Sicurezza : Consigliamo di fare riferimento al sito del Ministero degli Affari esteri : www.viaggiaresicuri.it

 

 

NBTS Viaggi Seguici su

nbts social facebook-32 nbts social instagram-32 nbts social twitter-32 nbts social pinterest-32 nbts social youtube-3 nbts social flikr-32

nbts nozze ok

nbts_cartolina_300

Carta del Deserto

nbts_deserto3_300x60
La carta del deserto è stata scritta per preservare il Deserto e rispettare gli uomini del Deserto. Esprime il pensiero dei nomadi del Sahara. Insegna ad avere...  continua

RICETTE CUCINA ETNICA

cucina_intro300x60
Anche la gastronomia rappresenta un modo per avvicinarsi alla cultura di un popolo, aiuta a conoscere un meglio il paese e a comprenderne ritmi e tradizioni. Ecco delle semplici ricette da fare in casa...  continua

I VIAGGI DI MARCO POLO

nbts_viaggi_di_marco_polo
I viaggi di Marco Polo
«Samarchan è una città nobile, dove sono bellissimi giardini, e una pianura piena di tutti i frutti, che l'uomo può desiderare. Gli abitanti, parte son Cristian, e parte Saraceni, e sono sottoposti al dominio d'un nepote del Gran Can»...  continua

nbts gruppo 222

I nostri tour di gruppo, le prossime date confermate per un viaggio... fuori dai luoghi comuni clicca qui

nbts catalogo nepal 2

nbts_adesivo_300

Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.