Informazioni Giappone

Documenti e visto: necessario il passaporto in corso di validità (non occorre una validità residua ma deve essere valido almeno fino al giorno dopo il rientro in Italia). Al momento dell’ingresso nel Paese bisogna essere in possesso anche del biglietto aereo di ritorno. Dal 2007 è entrata in vigore la nuova legge sull’immigrazione che prevede misure di controllo applicabili agli stranieri in entrata nel Paese (presa delle impronte digitali e foto del volto).  I cittadini italiani possono recarsi in Giappone senza visto per motivi di turismo e per un massimo di 90 giorni di permanenza. Per soggiorni superiori a 90 giorni sarà invece necessario munirsi di un visto.


Clima: le caratteristiche comuni del clima del Giappone sono l'assenza di un vero e proprio periodo secco e l'elevata piovosità estiva. Le piogge sono quasi ovunque abbondanti; tra l'estate e l'autunno il Paese ogni anno è investito da piogge torrenziali e tifoni, che possono portare ingenti danni e disagi alla popolazione e ai visitatori. Il clima è influenzato dai monsoni: in inverno prevalgono le correnti fredde da nord-ovest, mentre in estate prevalgono le correnti calde e umide di origine tropicale. Il periodo migliore per visitare il Giappone è probabilmente la primavera, da aprile all'inizio di giugno; si può scegliere in particolare il mese di maggio, oppure seguire la fioritura dei ciliegi (hanami) che varia a seconda della zona.

Temperature in °C min/max nella capitale (zona sud-orientale)

 

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

Tokyo

1/10

2/10

4/14

9/19

14/23

18/26

22/29

23/31

20/27

14/22

8/16

4/12

Temperature in °C min/max (zona più meridionale)

 

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

Naha

15/20

15/20

16/22

19/24

22/27

25/29

27/32

27/32

26/30

23/28

20/25

16/21

 
Temperature in °C min/max (zona nord-ovest)

 

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

Niigata

0/6

0/6

2/10

7/16

13/21

18/24

22/28

23/31

19/26

13/20

7/14

3/9

Temperature in °C min/max (zona costa nord-orientale)              

 

GEN

FEB

MAR

APR

MAG

GIU

LUG

AGO

SET

OTT

NOV

DIC

Abashiri

-9/-2

-10/-2

-6/2

0/9

5/14

10/17

14/21

17/23

13/20

7/14

0/7

-6/-1


Abbigliamento
: in inverno sarebbe meglio di vestirvi “a cipolla” in modo da potervi scoprire una volta al chiuso, la temperatura negli edifici è all’opposto di quella esterna (più fuori è freddo più al chiuso è caldo), per Hokkaido e il nord di Honshu, fino a Niigata e Fukushima, prediligere vestiti molto caldi, piumino, guanti, sciarpa, berretto. Per l'area di Tokyo, Kyoto e Osaka, vestiti caldi, maglione, giacca, berretto. Per Okinawa e le isole meridionali, vestiti di mezza stagione, felpa o maglione, giacca a vento. In estate per il nord di Hokkaido, vestiti di mezza stagione, leggeri per il giorno, una felpa. Per Sapporo e il nord di Honshu, vestiti leggeri, una felpa e una giacca leggera. Per tutto il centro-sud e le isole, Tokyo e Okinawa comprese, vestiti leggeri e in fibra naturale, un foulard per la brezza, una felpa leggera per la sera e l'aria condizionata. Per le zone montuose, vestiti più caldi (di mezza stagione a circa 2.000 metri di quota a Honshu). Si consiglia sempre, date le abbondanti piogge, di portare un impermeabile e l’ombrello. Attrezzatura per snorkeling, scarpe acquatiche o con suola in gomma per la barriera corallina. Sono sempre consigliate scarpe comode e facili da togliere e mettere per l’ingresso nei templi e nei luoghi tradizionali. Portare un foulard o sciarpetta tipo pashmina, anche in estate, dato che fuori le temperature sono molto elevate con umidità del 100%, ma nei centri commerciali, nei negozi, e ovunque sia presente, l’aria condizionata è molto forte.

Valuta: la moneta è lo Yen (JPY), le banconote hanno tagli da 1000, 2000, 5000 e 10000 yen, mentre le monete sono da 1, 5, 10, 50, 100 e 500 yen. L’acquisto di YEN può essere fatto nelle filiali della vostra banca, in aeroporto, o direttamente in Giappone, ma solamente presso gli ATM degli uffici postali e nei 7Eleven (una catena mini-market, che offre vari servizi oltre al supermercato vero e proprio, tra cui i bancomat della 7Bank). Le maggiori carte di credito internazionali (come VISA, Mastercard ed American Express) sono ben accettate negli Hotel, nei centri commerciali, in alcuni ryokan e nei ristoranti turistici e, comunque, nelle città più grandi. In qualunque altro posto dimenticatevi di pagare con la carta di credito, nel paese nipponico il contante è la cosa migliore. La cifra massima che potete portare in contanti in Giappone è 1 milione di YEN e vi verrà chiesto, sul foglietto di ingresso doganale, la cifra esatta di contanti che avete con voi (sia in Euro che in Yen).

Elettricità: la corrente elettrica è a 110/120Ve le prese sono diverse dalle nostre. Si consiglia di munirsi di adattatore universale.

Fuso Orario: 8 ore in più rispetto all’ora in Italia, 7 quando vige l’ora legale.

Lingua: la lingua ufficiale è il giapponese, tra le lingue straniere ci sono l’inglese, il tedesco, il portoghese, il russo, lo spagnolo e il francese (molto poco diffuse, soprattutto fuori delle grandi città, è più probabile che lo parlino le persone più giovani). L'altra lingua ampiamente usata in Giappone è la lingua Ryukyuan, prevalentemente nelle isole Ryukyu.

Acquisti: ci sono veramente molti souvenir da poter acquistare. Il Maneki Neko è un must-have, si tratta di una statuina giapponese a forma di gatto con una zampa alzata che si ritiene porti fortuna al proprio possessore. Un altro porta fortuna giapponese è il Daruma, la bambola sferica di colore rosso venduta senza gli occhi, il proprietario deve disegnare la pupilla dell'occhio sinistro esprimendo un desiderio e il secondo dovrà essere dipinto solo quando il desiderio si avvererà. Le bacchette tradizionali giapponesi (Hashi) sono realizzate in legno laccato con una estremità appuntita e sono disponibili in diverse dimensioni, a seconda del sesso oppure se si è mancini. Di ciotole e ciotoline se ne trovano moltissime da tutti i prezzi, se volete fare un regalo impegnativo alcune di quelle tradizionali fatte a mano sono davvero degli oggetti molto apprezzati dagli amanti di queste cose anche se sono abbastanza costose altrimenti si trovano anche più economiche ma ugualmente belle. Il termine furin significa campanella al vento, si tratta di una campana di vetro o di metallo, risalente al periodo Edo, che di solito viene appesa davanti alla finestra o alla porta così da tintinnare a ogni folata di vento, sotto ci vengono attaccate delle strisce di carta di riso o di tessuto sulle quali possono essere raffigurati paesaggi o scritte delle frasi. La teiera in ghisa giapponese: la teiera per eccellenza, forse uno degli oggetti che più spesso si associano ai souvenir da portare a casa dal Giappone, soprattutto se si ama il tè (green tea o tè matcha). Le maschere giapponesi hanno una grande valenza simbolica nella cultura nipponica, fanno parte infatti delle maschere le più famose del teatro Nō, che sono circa duecento e raffigurano solitamente ritratti di personaggi femminili o non umani come divinità, demoni o animali. Il Sarubobo è una bambolina porta fortuna dalla forma umana ma senza volto. I calzini giapponesi Tabi sono un altro must e sono ottimi come souvenir dal Giappone o regali da portare agli amici, ci sono di tutte le misure e di infinite fantasie, prevedono la divisione dell'alluce dalle altre dita del piede in modo che si possano indossare i geta, i tradizionali sandali giapponesi in legno. Per gli amanti dei manga (fumetti) e delle anime (la loro versione animata e/o cinematografica) trovare e acquistare i titoli del cuore in versione originale in giapponese è un sogno che si realizza.

Cucina: oltre all'uso del riso bianco e del pesce, dove spiccano soprattutto tonno e salmone, la cucina giapponese predilige anche l'utilizzo di alghe, verdure e salse dal sapore spiccato e persistente, come quella di soia, o il wasabi, ottenuto dal ravanello giapponese. Ci sono diverse ricette giapponesi, ricordiamo le più popolari e apprezzate anche in Occidente ricordiamo: il sushi (polpettine di riso bianco avvolte da uno strato di alga con un ripieno di pesce), il sashimi (fettine di pesce crudo tagliate con un metodo ben preciso), il ramen (una zuppa a base di spaghetti o tagliatelle accompagnate da pesce o carne), la tempura (frittura di verdure o pesce realizzata con una pastella leggera a base di farina di riso), gyoza (ravioli cotti al vapore o alla griglia, generalmente ripieni di verdure o di carne o pesce), yakisoba (spaghetti di grano saraceno con zenzero, verdure e carne o pesce, da saltare in padella), okonomiyaki (definito la “pizza giapponese” perché può essere condito con ciò che si vuole, tanto che si usa cucinare questo piatto direttamente al tavolo), taiyaki (dei dolci a forma di pesce ripieni di crema azuki), dorayaki (divenuti conosciuti grazie ai cartoni nipponici: si tratta di due pancake sovrapposti con un ripieno di crema ai fagioli azuki).

Telefono: per chiamare dall’Itali bisogna fare 0081 più il prefisso della città da chiamare senza lo zero. Per chiamare in Italia il numero da comporre prima del prefisso internazionale (39) varia a seconda della compagnia che si intende utilizzare (in Giappone le compagnie private sono moltissime). I prefissi più utilizzati sono: 001+39; 061+39; 0033010+39 seguiti dal numero telefonico italiano comprensivo di prefisso, vale lo stesso anche per i cellulari. Il sistema GSM utilizzato in Europa è incompatibile con quello giapponese (funzionano solo i telefoni cellulari di ultima generazione). Si consiglia comunque di effettuare una verifica con il proprio gestore di telefonia mobile prima della partenza. In Giappone è possibile utilizzare la scheda SIM italiana noleggiando un apparecchio telefonico cellulare locale al momento dell’arrivo nel Paese in uno dei negozi di telefonia mobile presenti nei principali aeroporti. Per le schede SIM della TIM occorre recarsi allo stand DOCOMO (solo i negozi DOCOMO presenti negli aeroporti internazionali forniscono tale servizio). Per le schede della VODAFONE occorre recarsi allo stand SOFTBANK. Si suggerisce di effettuare una prenotazione via Internet per accertare la disponibilità degli apparecchi. Per quanto riguarda le schede SIM della WIND, c’è la possibilità di farsi recapitare il telefono cellulare direttamente in Italia prima della partenza, dopo aver avviato la relativa procedura attraverso il sito web WIND. Per ulteriori informazioni si rimanda all’omonimo sito. La disponibilità del Wi-fi è garantita nelle maggiori aree urbane, negli esercizi commerciali e in luoghi pubblici quali stazioni e aeroporti.

Unità di misura: lo shaku è un'antica unità di lunghezza giapponese, corrispondente a circa un piede pari a 1⁄3 metro(33 cm). Come altre unità di misura, esso venne originariamente ricavato dalla natura: la lunghezza media tra due nodi nel bamboo, ancora usato in minima parte.

Disposizioni sanitarie: non sono richieste vaccinazioni particolari. Consigliamo di portare con sé i medicinali personali, un piccolo pronto soccorso. Il settore sanitario è generalmente molto buono, i medici preparati e gli ospedali ben organizzati. Si riscontrano tuttavia difficoltà a reperire medici e personale paramedico in grado di parlare lingue straniere, inglese incluso. Le prestazioni mediche (incluse quelle di pronto soccorso) sono a pagamento.

Sicurezza e situazione sanitaria: consigliamo di fare riferimento al sito del Ministero degli Affari esteri: www.viaggiaresicuri.it

Facebook-icon 2  Instagram-icon 2  Twitter-icon 2  Pinterest-icon 2  Youtube-icon 2  Flickr-icon 2

nbts blogh

COPERTINA-ACTIVE

Nbts Viaggi aderisce al Codice Mondiale di Etica del Turismo, che ha come obiettivo fondamentale quello di promuovere un turismo responsabile, sostenibile e accessibile a tutti. Ciò significa che,  cerchiamo di agire in modo socialmente responsabile, tenendo conto del contributo dato dalla nostra attività alla qualità dell'ambiente e al sociale, preoccupandoci dei rapporti con i nostri collaboratori, clienti, fornitori, partner e con la comunità e le istituzioni.
Partendo da questi presupposti abbiamo deciso di aderire a diverse iniziative che potrete consultare in questa sezione.

COPERTINA-ECOTURISMO

Nbts Viaggi aderisce al Codice Mondiale di Etica del Turismo, che ha come obiettivo fondamentale quello di promuovere un turismo responsabile, sostenibile e accessibile a tutti. Ciò significa che,  cerchiamo di agire in modo socialmente responsabile, tenendo conto del contributo dato dalla nostra attività alla qualità dell'ambiente e al sociale, preoccupandoci dei rapporti con i nostri collaboratori, clienti, fornitori, partner e con la comunità e le istituzioni.
Partendo da questi presupposti abbiamo deciso di aderire a diverse iniziative che potrete consultare in questa sezion

COPERTINA-WEEKEND2

COPERTINA-RUBRICHE-CUCINA-3

nbts recensioni

nbts_segnalibro_300

Senza-titolo-22

NEWSLETTER NBTS VIAGGI



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196. Nbts.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione. Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata. Continuando a navigare sul sito acconsenti all'uso dei cookie.